sabato 20 dicembre 2008

Disco del Giorno 20-12-08: The Slingsby Hornets - Whatever Happened To... (2008; Expedition Hot Dog records)

Torna a meno di un anno dall'uscita dell'album d'esordio Frank E. Slingsby, all'anagrafe Jon Paul Allen. Il prolifico autore Britannico, con questo nuovissimo Whatever Happened To The Slingsby Hornets prosegue sulla strada tracciata dal suo predecessore, proponendo dieci canzoni equamente divise tra originali e covers reinterpretate con logica curiosa ed innovativa ed ottenendo infine un'altra collezione di brani basata esclusivamente sul divertimento immenso che Allen prova suonando la musica che ama. E l'album, infatti, sprizza passione e devozione da ogni singolo pezzo.

La traccia numero uno, Way Of The World, è un curioso ma nondimeno riuscito pastiche di pop sinfonico e hard progressivo di settantesca memoria. Tra gli altri "originals", tutti sotto diversi aspetti legati all'amore che Jon Paul Allen sembra nutrire per certo glam-pop, risaltano The Long Way Home, di animo più folky, il pop protopsichedelico di This Song e il rocker Black & White Movie. Tra i rifacimenti, invece, notevolissime sono le versioni di Rock'n'Roll Love Letter dei Bay City Rollers, di Picture Of Matchstick Man, il grande classico degli Status Quo e di Children Of The Revolution di Marc Bolan.

A rendere più gustoso il tutto, se vi affretterete ad acquisire il disco, sappiate che un numero limitato di copie giungeranno a casa vostra in compagnia di un ep allegato, non casualmente chiamato Knee Deep In Glitter, dove sono reinterpretati altri cinque grandi classici, tra cui senza dubbio svettano le fantasiose covers di My Coo Ca Choo di Alvin Stardust, di Does Your Mother Know degli Abba e di Skweeze Me Pleeze Me, che se ve lo state chiedendo sappiate che si, è proprio il pezzo degli Slade.

Come avevo scritto parlando del precedente album di Frank E. Slingsby, Whatever Happened è un doppio concentrato di divertimento applicato a trent'anni di storia rock'n'roll. E, anche questa volta, il miglior utilizzo che ne possiate fare è metterlo nella valigetta ogni qualvolta vi sarà richiesto di fare il dj ad una festa seventies pop.

Nessun commento: