mercoledì 17 dicembre 2008

Singolo del Giorno 17-12-08: Miss Chain & the Broken Heels - Boys and Girls b/w My Gang (2008; Dream On records)

Ancora ottime notizie dal sommerso del pop made in Italy. Questa volta, a completamento di un'annata che ha visto le "nostre" formazioni farsi valere anche in ambito internazionale, parliamo di Miss Chain & the Broken Heels. La band bergamasco-vicentina, attiva da meno di due anni, tocca con questo Boys and Girls quota due singoli, che per la felicità di ogni appassionato di rock'n'roll che si rispetti sono stati entrambi pubblicati nel vecchio e caro formato 7" a quarantacinque giri. I ragazzi propongono un sound incendiario che pesca a piene mani dalla miglior tradizione pop'n'roll al femminile americana, adeguato con molto gusto e parecchia adrenalina alle esigenze del presente, risultando freschi, originali ed estremamente divertenti.

A caratterizzare fortemente i due pezzi incisi su questo singoletto è - com'è ovvio per molte formazioni similari - la squillante e potente voce della cantante Miss Astrid Dante, ma la "gang" che la supporta (completata dalla fantasiosa chitarra di Disaster Silva e dalla sezione ritmica a cura dei fratelli Franz e Brown Barcella) ha il fondamentale merito di sorreggerla con un sound che - benchè melodico - è grezzo, minimale e frontale così come la produzione dei brani. Essenziale, "in your face", come piace dire a noi.

Credo sia chiaro a tutti, a questo punto, che cosa ci si possa attendere dai due brani proposti dai Broken Heels. Perchè è facile: semplicemente, rock'n'roll. Adrenalinico, forse non proprio a bassa fedeltà ma certamente nemmeno hi-fi, di matrice garage e interpretato da una front-girl di grande personalità. Un concentrato di energia ed indovinate intuizioni pop che estrae dal calderone dei miei ricordi grandi bands rock'n'roll con il fiocco rosa come Headcoatees, Nikki & The Corvettes, Shivvers (qualcuno, prima o poi, dovrebbe scrivere un trattato sulla seminale bands di Milwaukee capitanata da Jill Kossoris) e, perchè no, Blondie. Il tutto concentrato in meno di cinque minuti di superba essenza teen.

I Broken Heels sono un gruppo agli albori della propria carriera ma la strada è senza alcun dubbio quella giusta, e a confortare questa tesi arrivano le numerosissime date che la band continua ad ottenere soprattutto in Europa. Benone, anche grazie a gruppi come questo la scena musicale del belpaese sarà vista dall'estero con maggior rispetto. Solo, affrettatevi a recuperarne una copia, perchè ho paura che Boys & Girls (pubblicato da un'etichetta Giapponese, altra bella notizia) stia velocemente andando fuori stampa. Poi, un 7" come questo è sempre un gradito presente natalizio, o no?

2 commenti:

pibio ha detto...

li conoscevo dal loro myspace!
tosti...

ah, anche qui c'è trippa per gatti:

http://powerpopfanatic.blogspot.com/

bel powerpop blog da Edimburgo.

Emmanuel ha detto...

Grazie del gancio Pibio, vado a vedermelo subito!